• Quale tessuto scelgo per il mio divano?

    Quando ti accingi ad acquistare un divano o una poltrona, i primi dubbi che ti tormentano riguardano il design, il colore o il modello. Tuttavia, un elemento determinante che a volte non viene preso troppo in considerazione è il tipo di tessuto del divano, un fattore che gioca un ruolo importante per l'ambiente e l'arredamento generale. Inoltre devi riflettere bene sul tessuto che soddisfa al meglio le tue esigenze: se hai bambini, animali domestici o se hai intenzione di utilizzarlo per un locale pubblico come, ad esempio, un bar.

    catalogo-tejidos-sofa

    Aquaclean, il tessuto che si pulisce con acqua, ti presenta (da sinistra a destra) le sue
    collezioni Kabuki, Haruka, Mika e Matsue.

    A continuazione ti elenchiamo alcune nozioni di base riguardanti i tipi di tessuto tra cui puoi scegliere quando decidi di comprarti un bel divano, nonché alcuni consigli per aiutarti a selezionare il tessuto specifico per ogni situazione, le differenze di prezzo e la cura di cui ogni tessuto ha bisogno.

     

    Quanti diversi tipi di tessuto sono presenti sul mercato?

    Di solito, per ricoprire divani e poltrone, i tessuti più usati sono quelli in pelle naturale (chiamata anche cuoio), mista o similpelle (pelle sintetica) e, parlando di stoffe, quelle composte da fibra naturale o sintetica. Non dimenticare che, in base al materiale che scegli, le opzioni di stampe e colori, ma anche la durata nel tempo, sono diverse. Attenzione a non sottovalutare questi aspetti.

     

    Divani ricoperti in pelle e similpelle

    Per prima cosa iniziamo con i divani ricoperti in pelle. Si tratta di un materiale naturale, semi traspirante ed elastico, capace di adattarsi in modo ottimale al corpo, rendendolo così uno dei tessuti più comodi. Dato che si parla di un materiale unico (nessuna pelle è uguale a un'altra), è possibile ottenere divani diversi, pur essendo dello stesso modello o della stessa ditta. Questo discorso, ovviamente, non è valido per la similpelle.

     sofa-decoracion

    Anche se sono divani molto comodi, bisogna tener conto dell'uso che se ne vuole fare e, soprattutto, del clima in cui si trova. Chi di noi non si è mai seduto in estate con 40 °C su un divano in pelle e si è ritrovato letteralmente incollato? Il fatto è che non è l'opzione più adatta ai climi caldi, poiché è un tessuto che rilascia calore e, quindi, è consigliato piuttosto per zone più fredde; altrimenti il rischio è di svegliarsi dal sonnellino e realizzare di essere un tutt'uno con il divano.

    Se ciò che cerchi è un tocco di eleganza, i tessuti in pelle per divani sono un vero must. Se ad esempio hai deciso di adibire una stanza a biblioteca, sala riunioni o qualcosa di simile, di certo una poltrona in pelle è la scelta più azzeccata.

    Un altro punto a favore è rappresentato dal fatto che la pelle è un tessuto abbastanza facile da pulire poiché normalmente non assorbe liquidi e, di conseguenza, è più facile conservala in buono stato. Per questo motivo se hai intenzione di usare spesso il tuo divano o la tua poltrona, ecco un vantaggio in più da considerare.

    Infine, per quanto riguarda il prezzo, la pelle normalmente è tra i tessuti più cari e, dopo tutto quello che ti abbiamo spiegato, avrai capito anche il perché. Tuttavia, se sei davvero alla ricerca di un arredamento unico, con stile o diverso dal solito, non c'è dubbio sul fatto che questa sia la scelta giusta.

     

    Divani ricoperti con tessuto tessile naturale o sintetico

    Passando in rassegna la sezione delle tappezzerie in stoffa, troviamo tessuti naturali, sintetici o combinati tra loro. Per sapere di che tipo di stoffa si tratti, è necessario conoscere le fibre che sono state utilizzate per realizzarla.

     tapizados-de-sofa

    Aquaclean, il tessuto che si pulisce con acqua, ti presenta le sue
    collezioni Matsue e Nanao (514) del Book 16 Fashion&Love by Visual Textures.

    Da una parte ci sono le fibre sintetiche, ottenute grazie alla miscela e alla sintesi di diversi composti chimici e che quindi non provengono in nessun caso da materiali che si trovano in natura. Questo tipo di fibra serve a realizzare tessuti molto resistenti ed è facile da tingere, ecco perché, a differenza dei tessuti in pelle, presenta una vasta gamma di colori. Quando si deve ricoprire un divano non si utilizzano stoffe sintetiche al 100%, ma queste vengono combinate con fibre naturali per ottenere un effetto gradevole alla vista e al tatto. Tra le fibre sintetiche più comuni troviamo l'acrilico, la lycra, il nylon e il poliestere.

    Le fibre naturali, invece, sono quelle che hanno origine animale o vegetale, come la lana, la seta, il lino e il cotone. Grazie alla sua versatilità, il tipo di tappezzeria più comune per ricoprire il divano è il cotone. È estremamente elastico, fresco, resistente ai graffi ma, si sa, il colore tende a sbiadire nel tempo e si sgualcisce più facilmente rispetto ad altri.

    Inoltre nel momento in cui devi pulirlo, come quando ti ritrovi alle prese con una maglietta di cotone macchiata, sai già che ti aspetta un'operazione più difficile rispetto alla pulizia della pelle, anche se con il passare del tempo sono stati inventati modi per rendere più semplice la rimozione e il lavaggio delle fodere.

     tejidos-sofa

    Da sinistra a destra: collezioni Linova 510, Novara 11, Amane AC 323, Eternity 514, Siena 62, Eternity 112 e Solara 01 di Aquaclean, il tessuto che si pulisce con acqua.

    Molti sono i passi avanti compiuti nel mondo del tessuto tessile. È stato possibile realizzare diverse combinazioni tra fibre naturali e sintetiche capaci di creare un'ampia varietà di tessuti mantenendo inoltre, a differenza della pelle, prezzi più economici. Inoltre, tecnologie come Aquaclean, il tessuto che si pulisce con acqua, (collegamento alla galleria macchie) hanno permesso ai divani con tessuti tessili di sperimentare un grado di pulizia pari a quello dei divani in pelle, in modo che se stai cercando una stampa o un colore particolare e non vuoi spendere troppo, i tessuti tessili per il tuo divano rappresentano sicuramente la migliore opzione.

     

    Quindi il miglior tessuto per il mio divano è...

    Non esiste un tessuto migliore o peggiore; come avrai capito, ciascuno ha i propri pro e i propri contro. Quello che devi fare è prendere in esame i diversi fattori che ti abbiamo elencato, considerando quanto tempo trascorriamo ogni giorno sul nostro divano e pensando al fatto che è un elemento in grado di condizionare notevolmente l'arredamento di un ambiente.

    E adesso che sei ben informato sul tema, non ti rimane altro che scegliere l'opzione più adatta a te. Raccontaci: di che tessuto è il tuo divano? Perché hai scelto proprio quello? Esiste un tessuto che ti piace più degli altri?

    Ritorno